Tel. 0161.486324 | info@cooperativauno.it

Residenza Uno. Aggiornamenti sui casi di covid riscontrati in struttura

Saluggia, 20 novembre

 

Nella giornata del 21 ottobre si è appreso che 5 dei 40 tamponi di screening forniti dall'Asl To4 effettuati agli operatori della Residenza Uno lunedì 19 ottobre hanno dato esito positivo.

Detti operatori (inizialmente asintomatici, ma una di loro ha poi manifestato forti mal di testa) sono stati avvertiti ed allontanati dal presidio per l'isolamento fiduciario previsto da protocolli e linee guida.

L'Asl è stata contattata e sono stati richiesti i tamponi per tutti gli ospiti, poi effettuati solo sabato 31 ottobre a causa di un disguido con la piattaforma informatica regionale. In attesa di arrivare agli esiti si è disposta la permanenza in camera degli ospiti per evitare possibili ulteriori contagi che sarebbero divenuti velocemente incontrollabili.

L'unico ospite sintomatico che oltre alla febbre manifestava dispnea è stato trasferito in ospedale per sicurezza dove il tampone effettuato da parte dell'ospedale ha dato esito negativo.

Altri 2 ospiti trasferiti con altri sintomi si sono rivelati negativi al tampone.

il 3 novembre sono stati effettuati i tamponi rapidi continuando l'attività di controllo quindicinale del personale, riscontrando un'addetta alle pulizie positiva. L'addetta, che peraltro aveva avuto sintomi febbrili leggeri proprio la sera prima, è stata allontanata in attesa di poter effettuare il tampone molecolare già disposto dall'Asl per sabato 7 onde verificare l'effettiva positività e qualora iniziare il periodo d'isolamento fiduciario.

Nel pomeriggio del 5 novembre abbiamo (finalmente) visionato gli esiti dei tamponi effettuati, che si sono rivelati TUTTI NEGATIVI.

14 novembre: abbiamo appreso della positività di un'ospite già ricoverata in ospedale ai primi del mese per polmonite ed all'epoca risultata negativa al tampone; successivamente rientrata e posta in isolamento, dopo 8 giorni è stata ricoverata in seguito ad una caduta accidentale.

Si è così scoperto che la signora (a questo secondo ricovero in ospedale) risulta positiva al tampone. Impossibile stabilire se l'infezione sia avvenuta in struttura dagli operatori positivi nelle scorse settimane o durante il ricovero ospedaliero per polmonite, durato più giorni ed iniziato e finito con tampone negativo...

Nella stessa serata a titolo precauzionale ed a seguito della notizia di questa positività, sono stati effettuati tamponi rapidi a 2 ospiti sintomatici, con esito negativo. Nella mattinata del 15.12 su richiesta della Guardia Medica un tampone rapido è stato effettuato ad un altro ospite in condizioni critiche, anche questo tampone è risultato negativo.

16 novembre: la signora ricoverata in ospedale e positiva questa sera, essendo asintomatica, rientrerà in struttura in una camera in "zona rossa" in isolamento fino alla completa negativizzazione. Il medico di struttura, visionando la piattaforma regionale Covid ha verificato che per quest'ospite non risulta alcun tampone molecolare positivo, bensì un tampone rapido il cui esito positivo probabilmente andrà verificato.

Il 18 novembre in struttura si sono effettuati i tamponi rapidi di screening forniti dalla Regione a tutto il personale ed agli ospiti, riscontrando 2 operatori positivi e ben 17 ospiti positivi su 74. Alcuni di essi erano già sintomatici leggeri dal giorno stesso o dal precedente.

Si è creata una zona rossa che interessa l'intero primo piano della struttura cercando di circoscrivere i compagni di stanza dei positivi in poche camere poste sotto particolare vigilanza per il maggior rischio di contagio in fase di incubazione.

Il 20 novembre, riscontrando numerose sintomatologie evidenti o sospette, si sono effettuati 9 tamponi rapidi scoprendo ulteriori 6 casi di positività poi trasferiti presso le camere in zona rossa.

Le condizioni di salute degli ospiti per ora non sembrano preoccupanti. Tutti i sintomi sono leggeri, febbre fino a 38 perlopiù scomparse in breve tempo, qualche tosse, spossatezza. Solo un'ospite si trascina febbriciattola ed una leggera desaturazione alternata a momenti migliori da alcuni giorni. 

In attesa degli eventi, oltre alle cure predisposte dal medico curante Dott.ssa Guarene, si è disposto di effettuare tamponi rapidi all'insorgenza di ogni sintomo e si programma un controllo di tutti gli ospiti "negativi" il prossimo mercoledì 25, a distanza di una settimana dal primo test di screening, per individuare eventuali ulteriori positivi asintomatici.

Tutte le visite agli ospiti, i trasferimenti e gli ingressi sono sospesi.

Torna indietro